Menu Menu

News dello studio

feb22

22/02/2018

Liquidazione periodica del IV° trimestre: invio entro il 28 febbraio

Entro il prossimo 28 febbraio i soggetti passivi Iva mensili e trimestrali “speciali” devono inviare i dati delle/a liquidazioni/e periodiche/a Iva dell’ultimo trimestre

feb22

22/02/2018

Saldo annuale Iva indipendente dai pagamenti periodici

Con l’anno 2017 si risolvono gran parte dei problemi che riguardavano le dichiarazioni annuali Iva al cui interno si contrapponevano risultati di liquidazioni periodiche Iva a debito (con

feb14

14/02/2018

Nuovo termine di registrazione delle fatture di acquisto

Il comma 1 dell’articolo 25 del D.P.R. 633/1972 prevede che le fatture di acquisto debbano essere, dapprima, numerate progressivamente e successivamente registrate in

News

giu20

20/06/2018

Cessione di partecipazione PEX con attualizzazione del credito

Nella pratica professionale ed imprenditoriale

giu21

21/06/2018

5 per mille ed erogazioni liberali per finanziare il Terzo settore

Le leve principali per finanziare il Terzo

giu21

21/06/2018

Lavoratori mobili in UE: più facile fruire della previdenza complementare

Recepisce pienamente la direttiva europea

Liquidazione periodica del IV° trimestre: invio entro il 28 febbraio

22 febbraio 2018

Entro il prossimo 28 febbraio i soggetti passivi Iva mensili e trimestrali “speciali” devono inviare i dati delle/a liquidazioni/e periodiche/a Iva dell’ultimo trimestre del 2017. La comunicazione deve essere altresì effettuata dai contribuenti trimestrali “normali”, ancorché per tali soggetti la liquidazione del 4° trimestre avviene direttamente in sede di dichiarazione annuale.

Si ricorda che l’invio della comunicazione:

  • va effettuato anche nel caso di liquidazione con“eccedenza a credito”;
  • è trimestrale, a prescindere dalla periodicitàdelle liquidazioni periodiche, e scade l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, ad eccezione della comunicazione del II° trimestre che va presentata entro il 16 settembre.

Sono esonerati dall’obbligo comunicativo i contribuenti non tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale Iva oppure all’effettuazione delle liquidazioni periodiche. Trattasi di:

  • minimi;
  • forfettari;
  • associazioni sportive dilettantistiche in regime forfettario ex 398/1991;
  • soggetti che svolgono attività di intrattenimento;
  • soggetti che effettuano esclusivamente operazioni esenti.

Inoltre, non devono essere trasmessi i trimestri nei quali il contribuente non ha effettuato nessuna operazione.

Non entrano, poi, nelle comunicazioni delle liquidazioni periodiche Iva i dati delle fatture di acquisto ricevute in un anno ma registrate nell’anno successivo nell’apposito sezionale del registro Iva acquisti, così come da indicazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate con la circolare 1/E/2018. Ciò in quanto queste operazioni non concorrono alle liquidazioni periodiche e la relativa Iva è detratta direttamente nel quadro VF del modello dichiarativo annuale.

Pertanto, le fatture di acquisto 2017:

  • ricevute lo scorso anno;
  • che non sono state inserite nelle liquidazioni periodiche del 2017;
  • registrate nel 2018;

non dovranno essere incluse nella comunicazione da presentare entro il 28 febbraio 2018.

Il modello da utilizzare per l’invio è quello approvato dall’Agenzia delle Entrate con il provvedimento 27 marzo 2017, composto dal frontespizio e dal quadro VP nel quale vanno riportati i dati della liquidazione periodica.

Nel rigo VP13 della prossima comunicazione deve essere indicato l’acconto Iva dovuto per l’anno 2017 anche se non effettivamente versato (se però l’acconto era inferiore a 103,29 euro non andava versato e il rigo VP13 non va compilato).

L’acconto Iva 2017 effettivamente pagato:

  • per i contribuenti mensili, ha concorso a formare il saldo della liquidazione Iva del mese di dicembre 2017, il cui versamento è scaduto lo scorso 16 gennaio;
  • per i contribuenti trimestrali “speciali” (autotrasportatori e distributori di carburante), concorrerà a determinare il saldo Iva del IV° trimestre 2017, il cui versamento scadrà il 16 febbraio;
  • per i contribuenti trimestrali “normali”, rientrerà nel computo del saldo della dichiarazione Iva relativa al 2017 in scadenza il 16 marzo 2018, salvo differimento.

Occorre, poi, tener conto che i contribuenti trimestrali “normali” non devono compilare il rigo VP12 – “Interessi dovuti per le liquidazioni trimestrali” – del modello relativo al IV° trimestre.

Infine, è appena il caso di precisare che il riferimento normativo della comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva è l’articolo 4, comma 2, del D.L. 193/2016 che ha introdotto l’articolo 21-bis nel D.L. 78/2010.

Fonte: https://www.ecnews.it/liquidazione-periodica-del-iv-trimestre-invio-entro-28-febbraio/?utm_source=20180222&utm_medium=email&utm_campaign=NLEcNews

Archivio news